Open main menu

Sassarese (Sassaresu or Turritanu) is an Italo-Dalmatian language and transitional variety between Corsican and Sardinian.[5][6][7] It is regarded as a CorsoSardinian language because of Sassari's historic ties with Tuscany and geographical proximity to Corsica. Despite the robust Sardinian influences (in terms of vocabulary and phonetics, as well as syntax),[8] it still keeps its Corsican (and therefore Tuscan) roots, which closely relate it to Gallurese; the latter is linguistically considered a Corsican dialect despite its geographical location, although this claim is a matter of controversy. It has several similarities to Italian and in particular the old Italian dialects from Tuscany.[5][6][7]

Sassarese
sassaresu, turritanu
Pronunciation[sasːaˈrezu]
Native toItaly
RegionSardinia
EthnicitySardinians from the North-Western strip of the Province of Sassari
Native speakers
100,000 (1999)[1]
Latin (Italian alphabet)
Official status
Recognised minority
language in
Language codes
ISO 639-3sdc
Glottologsass1235[4]
Linguasphere51-AAA-pe
Gallurese.png
Languages of northern Sardinia

Sassarese is spoken by approximately 100,000 people, out of a total population of 175,000, in the northwest coastal areas of Sardinia, Italy. Large Sassarese-speaking communities are present in Sassari, Stintino, Sorso, and Porto Torres. The Sassarese varieties transitioning to Gallurese, known as the Castellanesi dialects, can be heard in Castelsardo, Tergu, and Sedini.

Sassarese emerged as an urban lingua franca in the late part of the age of the Judicates (13th–14th century), based on a mixture of different languages, namely Sardinian, Corsican/Tuscan, and Ligurian; the neighbouring Logudorese dialects of Sardinian exercised a significant influence on the modern linguistic development, along with some Catalan and Spanish vocabulary. There exist many modern and older works both on and in Sassarese, and a number of cultural, social, and theatre events are held regularly in connection with it.

In 1943 the German linguist Max Leopold Wagner wrote:

... A vernacular which, by all indications, was gradually formed from the 16th century, after several very deadly plagues decimated the city's population; the bulk of the survivors were of Pisan and Corsican origin, there were even Genovese. Thus, this hybrid dialect was born, and is now spoken in Sassari, Porto Torres and Sorso, whose base is Tuscan-shifted with traces of Genovese, in addition to not a few Sardinian words.[9]

Contents

Official statusEdit

Sassarese is recognized as an official language by the regional government of Sardinia:[10]

The same value attributed to the Sardinian culture and language is recognised referring to the relative territory, to the culture and Catalan language of Alghero, the Tabarchino of the islands of Sulcis, the Sassarese and Gallurese dialect.

— Autonomous Region of Sardinia., Art. 2, paragraph 4, Regional Law from 15 Oct 1997 about the "Promotion and valorization of the culture and language of Sardinia".[11]

Sample of text: Extract from the Gospel of Matthew, Chapter X (15-22)Edit

Ebagneliu sigundu Matteju, Sassarese[12] Vangelo secondo Matteo, Italiano.

Vi diggu in viriddai: Sodoma, e Gomorra in la dì di lu giudiziu sarani megliu trattaddi di chissa ziddai. Eccu eju vi mandu cumenti peguri in mezu a li lupi. Sìaddi dunca prudenti comu li silpenti, e simplizi comu li culombi. Gualdeddibi però dall’omini. Palchì vi hani a fà cumparì in li cunzilj, e vi hani a frultà in li so’ sinagoghi: E vi hani a cunduzì dananzi a li presidi, e a li re par amori meju, pal tiltimognu d’eddis, e di li nazioni. Candu però v’hani a cunsignà in manu a eddi, no vi puniddi in pena di lu chi, e di lu comu abeddi a fabiddà: palchì vi sarà daddu in chissu mumentu lu chi abeddi a dì. Palchì no seddi voi li chi fabiddeddi, ma l’Ilpiritu di lu voltru Babbu è lu chi fabedda in voi. Lu fraddeddu però ha a pultà lu fraddeddu a la molti, e lu babbu lu figliolu: e li figlioli s’hani a vultà contra li babbi, e l’hani a dà la molti: E sareddi in odiu a tutti pal mutibu di lu me’ innomu: ca però ha a pilsivarà finza a la fini, chiltu sarà salvu.

In verità io vi dico: nel giorno del giudizio la terra di Sòdoma e Gomorra sarà trattata meno duramente di quella città. Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi. Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato.

 
(in Italian) Sassarese compared to Sardinian dialects.
 
(in Italian) Sassarese compared to Corsican dialects.

ReferencesEdit

  1. ^ Sassarese at Ethnologue (19th ed., 2016)
  2. ^ "Legge Regionale 15 ottobre 1997, n. 26". Regione autonoma della Sardegna – Regione Autònoma de Sardigna.
  3. ^ "Legge Regionale 3 Luglio 2018, n. 22". Regione autonoma della Sardegna – Regione Autònoma de Sardigna.
  4. ^ Hammarström, Harald; Forkel, Robert; Haspelmath, Martin, eds. (2017). "Sassarese Sardinian". Glottolog 3.0. Jena, Germany: Max Planck Institute for the Science of Human History.
  5. ^ a b Costa, Enrico (1992). Sassari (in Italian). Sassari: Edizioni Gallizzi. vol.I, pag.51. Ai Pisani dobbiamo anche il nostro dialetto, che per la maggior parte è quasi lo stesso che vi si parla oggi - una specie di toscano del secolo XIII - corrotto più tardi da un po' di corso e da molto spagnuolo.
  6. ^ a b Coradduzza, Mario Pompeo (2004). Il sistema del dialetto (in Italian). Sassari. pp. refazione. ... il sassarese deriva dalla lingua italiana e, più precisamente, dal toscano antico, poi trasformatosi lentamente in dialetto popolare fin dal secolo XII, quando ancora i borghesi e i nobili parlavano in sardo logudorese. Durante l'età del Libero Comune (1294 - 1323), il dialetto sassarese non era altro che un pisano contaminato, al quale si aggiungevano espressioni sarde, corse e spagnole; non è quindi un dialetto autoctono, ma continentale e, meglio determinandolo, un sotto - dialetto toscano misto, con caratteri propri, diverso dal gallurese di importazione corsa.
  7. ^ a b Wagner, Max Leopold (1943). The problem of the geographical region to be attributed to Gallurese and Sassarese. Neolatin Culture 3 (in Italian). pp. 243, 267. a dialect of the people which, following all evidences was formed step by step starting from the 16th century, after the period in which various deadly pestilences decimated the population of the city; most of the surviving people were of Pisan and Corsican origin, also quite a good number of Genovese people was part of the population. In this way the hybrid dialect that nowadays is being spoken in Sassari, Porto Torres and Sorso came into being. Its basis is a corrupt Tuscan with Genovese traces and quite some Sardinian terms.
  8. ^ Maxia, Mauro (1999). Studi storici sui dialetti della Sardegna settentrionale (in Italian). Sassari: Studium Adf. pp. 21, 37. Mentre il còrso della colonia sassarese subiva il forte influsso logudorese, specialmente nella sintassi e nel lessico" and "dopo il fortissimo influsso sardo subito dal còrso nel processo di sovrapposizione sull’originario logudorese
  9. ^ Wagner, Max Leopold (1943). "La questione del posto da assegnare al gallurese e al sassarese". Cultura Neolatina (3): 243–267.
  10. ^ Official Website of the Autonomous Region of Sardinia
  11. ^ La medesima valenza attribuita alla cultura ed alla lingua sarda è riconosciuta con riferimento al territorio interessato, alla cultura ed alla lingua catalana di Alghero, al tabarchino delle isole del Sulcis, al dialetto sassarese e a quello gallurese. Regione Autonoma della Sardegna. Art. 2 comma 4, L.R. 15-10-1997 sulla Promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna.
  12. ^ Il Vangelo di San Matteo, volgarizzato in dialetto sardo sassarese dal Can. Giovanni Spano. Accompagnato da osservazioni sulla pronunzia di questo dialetto, e su varj punti di rassomiglianza che il medesimo presenta con le lingue dette celtiche, sia ne' cambiamenti iniziali, sia nel suono della lettera L; del Principe Luigi Luciano Bonaparte. Londra, 1866

External linksEdit

See alsoEdit